Ha qualche domanda? Contattateci

Dixit Board Game, lo “storytelling” da tavolo dal 2009.

Dixit Board Game

Vincitore del premio gioco dell’anno in Francia e Spagna nel 2009 e dello Spiel des Jahres 2010 (il prestigioso riconoscimento tedesco), nonché premiato nel 2011 come miglior party-game da BoardGameGeek, Dixit Board Game diverte e intrattiene, stimolando la creatività e la fantasia dei giocatori di tutte le età, da oltre un decennio.
Stiamo parlando di Dixit Board Game, un gioco di Jean-Louis Roubira edito da Libellud, localizzato e distribuito in Italia da Asmodee.

Intrattenimento da 3 a 6 giocatori adatto per ogni fascia di pubblico dagli 8 anni in su, che spicca per il suo regolamento semplicissimo ed immediato e permette a chiunque di giocarlo già dopo pochissimi minuti, senza dadi o tabelloni ingombranti, dalla grande ri-giocabilità, assolutamente indipendente dalla lingua e dalla durata di gioco contenuta.
La durata di ogni partita, infatti, si aggira intorno ai 30 minuti il ché permette, volendo, di organizzare anche più partite in successione.

Indipendentemente da quante volte lo si riproponga, Dixit Board Game potrà fornire un’esperienza sempre diversa ed unica, la cui tipologia di divertimento varierà a seconda delle persone con cui si decida di condividerlo.

I pochi ma caratterizzanti elementi di gioco sono infatti: delle tessere numerate di vari colori, un simpatico percorso segnapunti in stile gioco dell’oca, con le relative pedine dall’aspetto di conigli, che aiutano i giocatori ad immergersi sin da subito nel clima fiabesco e dai tratti onirici che il gioco punta a rievocare, anche e soprattutto attraverso le 84 carte, vero e proprio cuore pulsante del gioco.


Ogni carta è diversa dalle altre e magistralmente illustrata da Marie Cardouat che con uno stile semplice ed efficace unito ad una colorazione variegata e brillante, riesce a rendere ogni carta una piccola opera d’arte, le cui immagini evocative e visionarie trasmettono un fascino che oscilla tra l’infantile ed il metafisico, con alcuni forti richiami all’arte surrealista.

Non si può che restare incantati dal fascino di queste carte dai molteplici significati ed è proprio qui che il gioco di Dixit Board Game trova il suo motore principale: nei sentimenti e nei significati che quelle carte rievocano nella mente dei giocatori.

Dixit Board Game

Il gioco ha un regolamento molto semplice e la sua capacità di divertire e diversificarsi è direttamente proporzionale alla fantasia di chi ci gioca.
A turno, uno dei giocatori al tavolo si lascia ispirare da una delle carte nella sua mano e pronuncia quella che può essere una parola, una frase, il titolo di un libro, film o canzone, o una citazione di questi, insomma quello che vuole, che sia in qualche modo inerente o riconducibile alla carta scelta e la pone davanti a sé coperta.

Ogni altro giocatore in base alla parola o frase pronunciata dal primo, chiamato Narratore, sceglierà una tra le carte della sua mano lasciandosi ispirare da quanto detto.
Il Narratore raccoglie tutte le carte dai vari giocatori, senza che nessuno le possa vedere, fino a che tutti non ne avranno giocata una, dopo averle rapidamente mescolate vengono poi disposte in fila a faccia scoperta.

A questo punto tutti i giocatori, ad eccezione del Narratore, votano tramite le tessere numerate quale secondo loro è la carta giocata dal suddetto. Se almeno uno, ma non tutti, indovinano la carta, il Narratore e quelli che hanno indovinato avanzano sul percorso. Ma attenzione! Se la carta di un altro giocatore viene votata anche quel giocatore avanzerà e a vincere è semplicemente il primo ad arrivare alla fine del percorso.

Con questo stile grafico leggero e le sue dinamiche semplici ed immediate, Dixit saprà colorare efficacemente una serata tra amici e conoscenti, favorendo il coinvolgimento anche di chi non è avvezzo ai giochi da tavolo. Questo titolo infatti, è decisamente consigliato tanto agli appassionati quanto ai giocatori occasionali e non potrà che arricchire la vostra collezione con un vero gioiello del game design, che spicca anche solo per il valore artistico dell’opera in sé.

Inoltre, nell’arco dello scorso decennio, il fantastico mondo di Dixit si è arricchito di ben dieci espansioni con mazzi di carte di inestimabile valore grafico, ognuno con stili e soggetti differenti ad opera di eminenti artisti.

Un gioco, in conclusione, che non è mosso solamente dall’insieme delle sue parti e regole ma dall’ingegno di ogni giocatore, dalla scaltrezza con cui essi riescano a giocare la carta che meglio possa richiamare su di sé l’attenzione degli altri, fatto dunque molto più di intese, metafore e doppi sensi, in cui non solo la vittoria saprà regalare delle belle emozioni ma tutto il corso della partita.

In questo gioco il senso de “non è importante la meta ma il viaggio” è perfettamente incarnato o per meglio dire inscatolato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *